Mondo Impresa

23 Maggio 2019 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

Attuazione delle disposizioni europee in materia di dissesto finanziario

Print Friendly, PDF & Email

Le principali Associazioni di rappresentanza delle imprese – Alleanza delle Cooperative Italiane (AGCI, Confcooperative, Legacoop) CIA-Agricoltori Italiani, CLAAI, Coldiretti, Confagricoltura, Confapi, Confedilizia, Confetra, Confimi Industria, Confindustria e Rete Imprese Italia (Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti) – e l’ABI hanno definito una guida sulle nuove regole europee (Regolamento Ue n. 5751/2013) in materia di definizione di default che le banche potranno iniziare ad applicare a partire dal prossimo 1° giugno 2019 e comunque entro il termine del 1° gennaio 2021. Ecco il comunicato dell’ABI.

Fino ad oggi era previsto che la banca dovesse classificare in default l’impresa che, per oltre novanta giorni consecutivi, è in arretrato di pagamento “rilevante” sulle scadenze di pagamento previste nel finanziamento bancario. Le nuove regole europee quantificano il concetto di “rilevanza”, fissando la soglia oltre la quale l’impresa debba essere obbligatoriamente classificata in default.

La banca sarà tenuta a determinare l’inadempienza dell’impresa se la stessa è in arretrato di pagamento, per oltre novanta giorni, su importi di ammontare superiore a cinquecento euro (complessivamente riferiti a uno o più finanziamenti) e che rappresentino più dell’1 per cento del totale delle esposizioni di un’impresa verso la banca. Per le persone fisiche e le piccole e medie imprese, esposte nei confronti di una banca per finanziamenti inferiori a 1 milione di euro, l’importo dei cinquecento euro è ridotto a cento euro.

Inoltre, diversamente dal passato, non potranno essere utilizzati margini attivi dell’impresa disponibili su altre linee di credito per compensare gli arretrati in essere ed evitare di classificare l’impresa come inadempiente.

Allegata la guida con domande e risposte esplicative.

Guida alle regole europee sul default

 

 

Tags: , , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑