Fisco

3 Marzo 2021 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

Dal Ristori al Sostegno, ancora decreti

Print Friendly, PDF & Email

Presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze è in fase di elaborazione il Decreto Sostegno, che raccoglie il testimone dei precedenti decreti Ristori. Vediamo alcuni possibili provvedimenti.

Agevolazioni erogate non più in base al codice Ateco, ma prendendo come parametro il calo del fatturato del 33 per cento su base annuale, ponendo a confronto i dati del 2020 rispetto al 2019. I requisiti saranno: partita Iva, rientrano nella misura così anche gli autonomi e i professionisti esclusi dai contributi precedenti; l’invio di una nuova autocertificazione all’Agenzia delle Entrate (limite massimo degli aiuti è pari a 150mila euro per le partite Iva fino a 5 milioni di euro di ricavi).

Per quanto riguarda il contributo a fondo perduto, questo: non concorre alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi; non rileva ai fini del rapporto di cui agli artt. 61 e 109, c. 5 Tuir; non concorre alla formazione del valore della produzione netta, ai fini Irap; i soggetti, forfettari e minimi compresi, dovranno dare evidenza nelle dichiarazioni fiscali 2021 del contributo a fondo perduto incassato.

In base al tipo di contabilità adottata e alla natura del contribuente, il contributo a fondo perduto deve essere indicato alcune volte come mero dato espositivo, altre volte come variazione in diminuzione del reddito. In merito al reddito d’impresa in contabilità semplificata, il contributo deve essere evidenziato sia tra le variazioni in aumento, sia in diminuzione, per neutralizzarne comunque il peso fiscale.

 

 

Tags: , , , , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑