Fisco

7 Maggio 2020 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

Decreti antivirus, nuova circolare dell’Agenzia

Print Friendly, PDF & Email

A seguito degli ulteriori quesiti pervenuti dalle associazioni di categoria, da professionisti e contribuenti e dalle Direzioni Regionali, in merito all’ambito applicativo delle previsioni fiscali contenute nel Decreto Cura Italia (n. 18/2020) e nel Decreto liquidità (n. 23/2020), il 6 maggio 2020, l’Agenzia delle entrate ha pubblicato la circolare 11/E con la quale vengono forniti ulteriori chiarimenti interpretativi. Vediamo.

Per i soggetti che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato sono sospesi gli adempimenti tributari diversi dai versamenti e diversi dall’effettuazione delle ritenute alla fonte e delle trattenute relative all’addizionale regionale e comunale, che scadono nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 maggio 2020. Tra gli adempimenti sospesi, che possono essere effettuati entro il 30 giugno 2020, rientrano, dunque: a) la presentazione della dichiarazione annuale IVA; b) la presentazione del modello TR; c) la presentazione della comunicazione della liquidazione periodica IVA (LIPE) del primo trimestre 2020; d) la presentazione dell’esterometro del primo trimestre 2020.

La sospensione comprende anche il modello EAS (enti associativi) e il modello INTRA 12 (dichiarazione mensile relativa agli acquisti di beni/servizi da enti non soggetti passivi d’imposta e da agricoltori esonerati).

Le spese sostenute per l’acquisto di dispositivi per la protezione individuale, in particolare le mascherine, sono detraibili se queste costituiscono dispositivi medici. È possibile consultare l’apposito elenco nel sistema “Banca dati dei dispositivi medici” pubblicato sul sito del Ministero della Salute. Per fruire della detrazione è necessario che, dalla certificazione fiscale (scontrino o fattura), risulti chiaramente la descrizione del prodotto acquistato ed il soggetto che sostiene la spesa. La natura del prodotto, come dispositivo medico, può essere identificata anche mediante le codifiche utilizzate ai fini della trasmissione dei dati al sistema tessera sanitaria quale il codice “AD (spese relative all’acquisto o affitto di dispositivi medici con marcatura CE)”. Qualora, invece, il documento di spesa non riporti il codice “AD” è necessario: per i dispositivi medici compresi nell’elenco, conservare la documentazione dalla quale risulti che lo stesso ha la marcatura CE (per ciascuna tipologia di prodotto); per i dispositivi medici non compresi in tale elenco, che il prodotto riporti, oltre alla marcatura CE, anche la conformità alla normativa europea. Il soggetto che vende il dispositivo medico può assumere l’onere di individuare i prodotti che danno diritto alla detrazione, integrando le indicazioni da riportare sullo scontrino/fattura con la dicitura “prodotto con marcatura CE”. Le spese sostenute per i dispositivi medici sono detraibili anche se non sono acquistati in farmacia.

Nell’ipotesi di fusione per incorporazione, le società incorporate si estinguono, mentre l’incorporante prosegue la propria attività e le attività delle incorporate. Pertanto, nel caso di perfezionamento di un’operazione di fusione per incorporazione, il calcolo della riduzione del fatturato – ai fini di rinviare al mese di giugno 2020 alcuni versamenti tributari e contributivi in scadenza nei mesi di aprile e maggio 2020 – va eseguito confrontando il fatturato di marzo e aprile 2020 della società incorporante, con la somma dei fatturati delle singole società (incorporante e incorporate) relativi, rispettivamente, ai mesi di marzo e aprile 2019.

Sempre in relazione alla verifica del fatturato, in caso di liquidazione dell’Iva di gruppo non è necessario che la condizione citata (riduzione del fatturato) sia in essere per tutte le società partecipanti alla procedura. È sufficiente che anche uno solo dei soggetti abbia subito una diminuzione del fatturato, purché i ricavi dell’attività dallo stesso svolta siano prevalenti rispetto a quelli totali a livello di gruppo. Se la condizione di prevalenza non è realizzata, la singola società può essere esclusa dalla liquidazione periodica di gruppo. È possibile sospendere l’Iva della singola società anche nel caso in cui la sospensione sia prevista in considerazione dell’attività svolta dalla stessa (e, quindi, non solo a fronte della riduzione del fatturato). I chiarimenti valgono anche con riferimento alla liquidazione periodica eseguita dal Gruppo Iva.

In merito al credito d’imposta per botteghe e negozi possono concorrere alla determinazione dell’importo sul quale calcolare il credito d’imposta anche le spese condominiali, purché siano state pattuite come voce unitaria con il canone di locazione e tale circostanza risulti dal contratto. Inoltre, è opportuno rilevare che se il contratto di locazione comprenda sia il negozio (C/1) che la pertinenza (C/3), con canone unitario, il credito di imposta spetta sull’intero canone, in quanto la pertinenza rappresenta un accessorio rispetto al bene principale e sempre che tale pertinenza sia utilizzata per lo svolgimento dell’attività.

La sospensione dei termini riconosciuta agli Uffici per le attività alle attività di liquidazione, di controllo, di accertamento, di riscossione e di contenzioso, non riguarda soltanto le attività che scadono tra l’8 marzo e il 31 maggio 2020. Tale sospensione, determina, in virtù di un principio generale, ribadito più volte nei documenti di prassi, lo spostamento in avanti del decorso dei termini per la stessa durata della sospensione (nel caso di specie 84 giorni), anche se il termine di prescrizione o decadenza sospeso non scade entro il 2020.

Nell’ipotesi di concordato preventivo e di accordi di ristrutturazione, i termini di adempimento dei concordati preventivi e degli accordi di ristrutturazione omologati, aventi scadenza nel periodo tra il 23 febbraio 2020 e il 31 dicembre 2021, sono prorogati di sei mesi. La disposizione si applica anche con riferimento ai pagamenti dei crediti tributari oggetto delle due procedure del diritto fallimentare.

 

Fonte Agenzia delle entrate

Tags: , , , , , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑