Mondo Impresa

5 Settembre 2019 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

ENEA cerca partner industriali

Print Friendly, PDF & Email

ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) nell’ottica del Programma di Proof of Concept intende individuare dei partner industriali per lo sviluppo di nuove tecnologie messe a punto nei propri laboratori con un basso grado di maturità tecnologica (TRL – Technology Readiness Level).

I finanziamenti a breve termine previsti dal Programma sono finalizzati alla realizzazione di progetti di sviluppo in grado di dimostrare la fattibilità di una tecnologia o del concept di un prodotto in modo da favorirne il trasferimento tecnologico verso l’industria. Il finanziamento sarà erogato tramite commessa interna ENEA specificatamente destinata alla realizzazione dei progetti. Nessun finanziamento è previsto nei confronti dei partner industriali i quali potranno comunicare la loro manifestazione d’interesse.

I progetti ammessi al Programma potranno comprendere attività destinate: alla costruzione o miglioramento di un prototipo per prepararne la commercializzazione; alla fattibilità commerciale o test per lo scale up; a dimostrare la mitigazione del rischio per un potenziale investitore/industria o licenziatario, nel caso esista un brevetto; ad affrontare e superare uno specifico gap identificato dall’industria e che ne ostacola l’attrattività per gli investitori. Il Programma è strutturato in due fasi, una prima fase di verifica della fattibilità (FASE I) ed una seconda di scale up (FASE II).

La FASE I supporta progetti finalizzati a verificare la fattibilità di inserimento di una tecnologia in un determinato contesto di mercato. Le tecnologie interessate a questa Fase hanno un tasso di maturazione tecnologica (Technology Readiness Level – TRL) tendenzialmente compreso fra 2 e 4. I progetti avranno una durata massima di 12 mesi e saranno finanziati dal Programma per un importo massimo di 50.000 euro. La compartecipazione del partner industriale alla FASE I avverrà esclusivamente in-kind, ovvero in qualsiasi altra forma diversa dal denaro.

La FASE II è, invece, mirata allo scaling-up di tecnologie che sono già state validate in laboratorio o provengono dalla FASE I. Le tecnologie idonee ad essere ammesse alla FASE II hanno un tasso di maturazione tecnologica (Technology Readiness Level – TRL) tendenzialmente compreso fra 4 e 6. I progetti in FASE II avranno una durata di 12 mesi, eventualmente rinnovabile per ulteriori 12 mesi, e saranno finanziati dall’ENEA al massimo per il 50 per cento dei costi sostenuti e per un importo non superiore a 100.000 euro. La compartecipazione del partner industriale alla FASE II dovrà avvenire anche in termini finanziari, per un importo almeno pari a quello investito dall’ENEA.

Potranno presentare la propria manifestazione di interesse come potenziali partner industriali imprese o investitori istituzionali (quali i Fondi di Venture Capital) regolarmente costituiti con personalità giuridica. Le imprese interessate dovranno soddisfare requisiti di affidabilità economico-finanziaria. L’ENEA accerterà eventuali pendenze economiche (stragiudiziali e/o giudiziali) nei propri confronti, la presenza di atti pregiudizievoli e la situazione economica dei potenziali partner industriali mediante richiesta di visura camerale o altri strumenti. Le manifestazioni di interesse di soggetti privi dei requisiti suddetti non saranno prese in considerazione.

La manifestazione di interesse dovrà essere resa mediante il modulo predisposto riportato in allegato al presente avviso (allegato B), o in conformità allo stesso, redatta in lingua italiana, debitamente compilata e sottoscritta dal legale rappresentante o soggetto munito di valida procura. La suddetta manifestazione di interesse dovrà pervenire, unitamente a copia del documento di identità del dichiarante in corso di validità, entro e non oltre le ore 12:00 del 22 settembre 2019 tramite posta elettronica certificata al seguente indirizzo PEC: enea@cert.enea.it all’attenzione del Direttore del Dipartimento cui afferisce il Progetto. L’ENEA si riserva la facoltà di verificare la veridicità di quanto dichiarato con apposite verifiche a campione.

Verificati i requisiti di affidabilità economico-finanziaria, la scelta del partner con cui collaborare sarà effettuata dall’ENEA, a proprio insindacabile giudizio, da parte delle rispettive commissioni di valutazione che saranno nominate dai Dipartimenti interessati, sulla base dei seguenti criteri: 1) dell’andamento dei Bilanci degli ultimi tre anni (fino ad un massimo di 10 punti); 2) della capacità di R&S (fino ad un massimo di 15 punti); 3) della presenza nel mercato di riferimento della tecnologia da indagare (fino ad un massimo di 25 punti); 4) del potenziale apporto tecnico-innovativo del partner industriale nella implementazione e realizzazione del progetto presentato sulla base delle pregresse esperienze nell’ambito delle tematiche oggetto dello stesso (fino ad un massimo di 50 punti). I requisiti di cui ai punti 1 e 2 verranno verificati e valutati sulla base dei bilanci riclassificati e delle autocertificazioni relative alle spese in R&S degli ultimi tre anni forniti, su richiesta, dal potenziale partner industriale. Quelli di cui ai punti 3 e 4 potranno essere verificati e valutati anche nel corso di eventuali colloqui individuali.

L’esito della valutazione verrà comunicato ai partecipanti a mezzo PEC. A seguito della accettazione della manifestazione di interesse, i partner industriali selezionati parteciperanno alla elaborazione e alla presentazione della Proposta di Progetto Completa (PPC), previa sottoscrizione di un accordo di riservatezza. Nella fase di elaborazione della PPC saranno definiti attività e ruolo dei partner, avendo cura di definire il valore del contributo, sia in termini finanziari che di personale, messo a disposizione nell’ambito dalla collaborazione operativa.

Fonte www.enea.it

Allegato B – Manifestazione di Interesse

 

Tags: , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑