Export regionale italiano

Print Friendly, PDF & Email

L’Istat ha reso noto i dati del terzo trimestre 2017 relativi all’export italiano suddiviso per aree geografiche. Fino al 30 settembre 2017 l’Italia ha esportato merci per 330.7 miliardi, soprattutto dalle regioni del Nord con il 71% del totale, mentre il Sud e le isole registrano 34 miliardi di esportazioni complessive.

Nei primi nove mesi del 2017, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, tra le regioni che forniscono un contributo positivo all’incremento delle esportazioni nazionali si segnalano: Lombardia (+7,3%), Piemonte (+8,9%), Lazio (+17,7%), Emilia-Romagna (+5,8%), Veneto (+5,1%), Sicilia (+32,7%), Toscana (+6,1%), Sardegna (+35,9%) e Liguria (+11,7%). Semaforo rosso per Basilicata (-16,4%), Molise (-30,4%) e Marche (-1,0%).

Le vendite verso i paesi Ue sono in aumento (+6,4%) grazie all’apporto della Lombardia (+7,3%), dell’Emilia-Romagna (+6,5%), del Piemonte (+7,5%) e Veneto (+5,2%). Da evidenziare il contributo – verso la stessa area di interscambio – fornito dalla Sicilia (+19,2%), la Sardegna (+25,3%) e la Valle d’Aosta (+25,2%). Anche l’export nazionale in direzione mercati extra Ue è in crescita (+8,4%). Le regioni che determinano in misura maggiore questo risultato sono: Lombardia (+7,3%), Lazio (+32,9%), Piemonte (+10,9%) e Sicilia (+43,9%). Si segnala un aumento anche per Sardegna (+43,7%), Liguria (+19,9%) e Valle d’Aosta (+22,5%).

Sempre nei primi nove mesi del 2017 le vendite dalla Lombardia e dal Lazio verso gli Stati Uniti (rispettivamente +15,1% e +86,4%), dal Piemonte verso la Cina (+50,0%) e dalla Lombardia verso la Germania (+4,9%) rappresentano uno dei motori principali del commercio estero italiano, mentre flettono le vendite della Lombardia e dell’Emilia-Romagna verso i paesi Opec (Organization of the Petroleum Exporting Countries – l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio), rispettivamente -8,5% e -15,7%.

L’analisi a livello provinciale mostra una dinamica favorevole proveniente da: Frosinone (+58,1%), Milano (+7,4%), Siracusa (+44,7%), Monza e della Brianza (+14,8%), Cagliari (+36,7%), Torino (+5,9%), Brescia (+7,5%), Genova (+24,5%), Alessandria (+18,3%) e Vicenza (+5,4%), Cuneo (+10,6%), Cremona (+16,2%) e Ravenna (+12,6%).

I dati positivi relativi agli scambi commerciali riguardano, in particolare, alcuni settori merceologici. In aumento le vendite di autoveicoli dal Lazio (+211,1%), di prodotti petroliferi raffinati dalla Sicilia (+49,6%), di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+31,5%) e di metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti (+8,5%) dalla Lombardia.

Tags: ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑