Mondo Impresa

8 Gennaio 2020 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

Giovani imprenditori, tra entusiasmo e difficoltà

Print Friendly, PDF & Email

Sono 575mila le imprese nate da iniziative di giovani under 35, ma purtroppo un’impresa giovanile su tre chiude i battenti nei primi cinque anni di vita e di queste quasi la metà non supera il biennio. Il risultato è che in otto anni si sono perse 122mila realtà imprenditoriali.

Questo è il quadro che emerge dall’indagine Unioncamere sulle imprese giovanili tra il 2011 e il 2018.

Ai posti di comando ci sono 952mila giovani titolari o soci di un’impresa, un terzo sono donne e nel complesso hanno un’età media di 28,7 anni. Ma sono sempre meno quelli pronti a puntare sull’autoimprenditorialità. Tra il 2011 e il 2018 il rapporto tra imprese giovanili per 1000 giovani è calato di sette punti, passando da 57,2 a 50,3.

In media più di un giovane imprenditore del Sud su dieci si è mosso al Centro-Nord per dare vita alla propria iniziativa di business, totale sono 41mila. Molise (22,8 per cento), Calabria (21,6 per cento) e Basilicata (19,7 per cento) sono le regioni con maggiore mobilità di imprenditori under 35 verso altre regioni d’Italia, a volte anche in aree limitrofe. L’Abruzzo (4 per cento) è la prima destinazione degli imprenditori under 35 molisani, la Lombardia (6,7 per cento) di quelli calabresi, la Puglia (2,9 per cento) di quelli lucani. Meno propensi a spostarsi per dare vita alla propria idea imprenditoriale, i giovani nati al Centro (6,5 per cento) o al Nord Italia (Nord-Est 6,5 per cento e Nord-Ovest 6,7 per cento).

 

Fonte Unioncamere

Tags: , , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑