Notizie

28 Settembre 2021 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

Green pass e luoghi di lavoro, alcune precisazioni

Print Friendly, PDF & Email

Per quanto riguarda il lavoro agile è opportuno sottolineare che chi svolge l’attività lavorativa sempre in smart working non è obbligato a possedere il green pass, ciò in quanto tale certificazione è richiesta ai lavoratori esclusivamente per accedere ai luoghi di lavoro. Attenzione, però. L’utilizzo dello smart working non può costituire un espediente per eludere l’obbligo di green pass, mentre, dall’altro lato, chi accede in azienda con il green pass è comunque tenuto al rispetto delle norme in materia di sicurezza, e quindi anche al mantenimento del distanziamento sociale.

I clienti dei tassisti, gli idraulici, gli elettricisti o gli altri tecnici che si rechino presso l’abitazione di privati per svolgere la propria attività, non hanno l’obbligo del green pass: si tratta di soggetti che richiedono e ricevono un servizio, e non di datori di lavoro. Resta ferma tuttavia, la facoltà dei clienti di chiedere l’esibizione del green pass.

I lavoratori domestici (colf e badanti) devono possedere ed esibire, su richiesta, il green pass. In questo caso si è in presenza di un rapporto lavorativo a tutti gli effetti, con conseguente obbligo di controllo del green pass in capo ai datori di lavoro privati.

 

Tags: , , , , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑