Fisco

24 Settembre 2020 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

I premi di risultato sono inclusi nel reddito del forfettario

Print Friendly, PDF & Email

Per il contribuente forfettario che deve verificare il limite del reddito da lavoro dipendente (30mila euro) solo rilevanti anche le somme percepite quali premi di risultato. A chiarirlo è l’Agenzia delle entrate con la risposta n. 398 all’interpello del 23 settembre 2020.

Il caso riguarda la Sig.ra XXX che chiede un parere circa l’applicazione della causa di esclusione dal regime forfettario di cui alla lettera d-ter) del comma 57dell’articolo 1 della Legge n. 190 del 2014 come da ultimo modificato dal comma 692 dell’articolo 1 della Legge 27 dicembre 2019 n. 160 (Legge di Bilancio 2020) in relazione ai redditi percepiti nell’anno 2019 sia in qualità di lavoratore dipendente che di lavoratore autonomo esercente l’attività professionale di commercialista.

Nell’anno 2019 la Signora ha adottato, avendone i requisiti, il regime forfettario per l’espletamento di attività di lavoro autonomo, inoltre, nella certificazione unica 2020, periodo d’imposta 2019, risultano redditi da lavoro dipendente pari ad Euro XXX e somme erogate a titolo di premi di risultato in virtù di contratti collettivi aziendali o territoriali soggetti ad imposta sostitutiva del 10 per cento di Euro XXX.

L’istante chiede di conoscere se, ai fini della permanenza nel regime semplificato nell’anno 2020, a seguito delle modifiche introdotte dalla legge di bilancio 2020, l’importo relativo ai premi di risultato debba essere ricompreso nel reddito di lavoro dipendente entro il limite di Euro 30mila oltre il quale scatterebbe l’applicazione della clausola di esclusione di cui all’articolo 1, comma 57, lettera d-ter) della citata legge.

La legge di bilancio 2020 ha modificato ulteriormente l’ambito di applicazione del regime forfettario, in particolare è stata riformulata la causa ostativa all’applicazione del regime in oggetto. I soggetti che nell’anno precedente hanno percepito redditi di lavoro dipendente e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, di cui rispettivamente agli articoli 49 e 50 del TUIR, eccedenti l’importo di Euro 30mila, non possono avvalersi del regime forfettario.

La causa ostativa opera già dal periodo d’imposta 2020 se i contribuenti nel periodo d’imposta 2019 conseguono redditi di lavoro dipendente e/o assimilati in misura superiore a Euro 30mila.

L’Agenzia ha risposto che la Signora non potrà applicare il regime forfetario nel periodo d’imposta 2020. Si ritiene che ai fini della determinazione del limite di 3omila euro rilevino anche i premi di risultato oggetto dell’istanza. Sulla base delle descrizione fornita, infatti, si tratta di somme percepite in via ordinaria dall’istante nell’ambito della prestazione lavorativa fornita, risultando significativi ai fini della determinazione della predetta soglia.

 

Fonte Agenzia delle entrate

Tags: , , , , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑