Giurisprudenza

18 Aprile 2019 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

Il chirurgo, le sale operatorie e l’IRAP

Print Friendly, PDF & Email

Con l’ordinanza n. 8413 del 26 marzo 2019, la Cassazione ritorna su un tema alquanto controverso: l’autonoma organizzazione ai fini dell’IRAP.

Il caso riguarda un chirurgo, specializzato in ortopedia e traumatologia, che nel corso della sua attività si avvale di quattro sale operatorie (compreso il personale medico di supporto) all’interno di strutture organizzate da terzi. Il contribuente ha impugnato il silenzio rifiuto opposto dall’ufficio all’istanza di rimborso dei versamenti IRAP 2010, sostenendo di non essere soggetto a tale imposta poiché la propria attività professionale era svolta in assenza di struttura organizzativa. La Commissione tributaria provinciale di Brescia prima e la Commissione Tributaria Regionale della Lombardia hanno rigettato il ricorso e respinto l’appello, portando il medico a ricorrere in Cassazione.

La Corte ha accolto il ricorso e cassato la sentenza impugnata: lo svolgimento dell’attività professionale di medico chirurgo nell’ambito di strutture organizzative di terzi (sale operatorie) non è rilevante ai fini dell’autonoma organizzazione del professionista, rendendolo soggetto non passivo IRAP.

I giudici hanno specificato che il requisito dell’autonoma organizzazione, il cui accertamento è rimesso al giudice di merito ed è insindacabile in sede di legittimità se congruamente motivato, ricorre quando il contribuente: sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell’organizzazione e non sia, quindi, inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse; impieghi beni strumentali eccedenti il minimo indispensabile per l’esercizio dell’attività in assenza di organizzazione, oppure si avvalga in modo non occasionale di lavoro altrui che superi la soglia dell’impiego di un collaboratore che esplichi mansioni di segreteria ovvero meramente esecutive.

Inoltre, la Cassazione si era già espressa riguardo all’ipotesi del medico chirurgo che si avvale delle strutture messegli a disposizione da una Clinica, che «in base al DLgs. n. 446 del 1997, art. 2, (come modificato dal DLgs. n. 137 del 1998, art. 1) ai fini della soggezione ad IRAP dei proventi di un lavoratore autonomo (o un professionista), non è sufficiente che lavoratore si avvalga di una struttura organizzata, ma è anche necessario che questa struttura sia “autonoma”, cioè faccia capo al lavoratore stesso, non solo ai fini operativi bensì anche sotto i profili organizzativi.

 

 

Tags: , , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑