Giurisprudenza

25 Ottobre 2017 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

La malattia coronarica è causa di servizio

Print Friendly, PDF & Email

Nel 2015 la storica rivista scientifica Lancet ha pubblicato uno studio secondo cui chi eccede nell’orario di lavoro può incorrere in spiacevoli conseguenze a livello dell’apparato cardiovascolare. Trascorrere in ufficio dalle quaranta alle quarantotto ore a settimana comporta un rischio di ictus e infarto maggiore del dieci per cento rispetto a chi lavora trentacinque/quaranta ore. Il pericolo aumenta al ventisette per cento tra le quarantanove e cinquantaquattro ore, mentre superare le cinquantacinque ore a settimana aumenterebbe la possibilità di danni fisici del 33 per cento.

A distanza di due anni la Sezione Lavoro della Corte Suprema di Cassazione è giunta alla medesima conclusione: infatti, con la sentenza 24361 del 2017 ha riconosciuto la causa di servizio per la malattia coronarica di cui era affetto un avvocato dell’Inpdap (l’istituto di previdenza dei dipendenti pubblici che dal 2011 è stato incorporato nell’Inps). La sentenza respinge il ricorso dell’Inps che si opponeva alla richiesta di equo indennizzo. Secondo la Corte l’avvocato era affetto da malattie coronariche a causa del servizio prestato presso l’ente pubblico. All’età a rischio (36 anni al momento della domanda di risarcimento) univa la familiarità per patologie cardiache, ma soprattutto una intensa attività lavorativa.

Lui, non solo rappresentava l’Inpdap in contenziosi giudiziari nelle fasi di merito, ma assumeva anche incarichi di responsabilità, come Responsabile sicurezza, componente del Servizio Autonomo Attività Ispettive e componente per le procedure di delegificazione. Una serie di ruoli e compiti che i giudici hanno ritenuto fondamentali moltiplicatori del fattore stress e che hanno portato il dipendente – moderatamente affaticato secondo l’Inps – a subire un abnorme impegno psicofisico, causa primaria della malattia contratta in assenza di altri coefficienti di rischio come il fumo e l’alcool.

Sentenza 24361-2017

Tags: , , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑