Mondo Impresa

28 Ottobre 2019 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

L’anticipo fatture con il dynamic discounting

Print Friendly, PDF & Email

Il dynamic discounting è una delle forme più innovative ed efficienti per finanziare il capitale circolante delle imprese e all’estero sono già diverse le aziende multinazionali che ne fanno uso, per rendere efficiente l’utilizzo della liquidità e rafforzare i rapporti con i propri fornitori.

Si tratta di uno strumento di finanza moderna e tecnologica che consente ad una azienda cliente di finanziare uno o più dei propri fornitori attraverso il pagamento anticipato delle fatture, beneficiando in contropartita di uno sconto commisurato al periodo di anticipazione. Lo sconto è detto dinamico, poiché varia in base al numero di giorni di anticipo del pagamento. Solitamente più è anticipato il pagamento e maggiore è lo sconto.

Gli attori sono sostanzialmente due: il cliente e il fornitore. Da una parte deve esserci un’impresa fornitrice che, necessitando di mezzi liquidi per finanziare il proprio capitale circolante, decide di farsi pagare anticipatamente le fatture e di rinunciare come contropartita a ottenere il prezzo pieno dei beni e servizi ceduti; dall’altra un’azienda cliente che, trovandosi invece in una situazione di surplus di liquidità, decide di investirla nel pagamento anticipato delle fatture e di ottenere in tal modo degli adeguati rendimenti rappresentati dallo sconto sul prezzo dei beni e servizi acquistati.

L’azienda cliente, utilizza la propria liquidità, per anticipare le fatture fornitori, ottenendo così il vantaggio di generare maggiori margini, rendendo più produttivo l’asset liquidità. Il responsabile acquisti, può offrire un servizio aggiuntivo al fornitore con la consapevolezza, di generare valore supplementare per la propria azienda e per il fornitore stesso. I rendimenti ottenuti con il dynamic discounting sono decisamente superiori a quelli relativi ad altre forme di investimento della liquidità, soprattutto in periodi di bassi tassi di interesse come quello che stiamo attualmente attraversando. Il TAEG del dynamic discounting è, infatti, compreso mediamente tra l’8 e il 12 per cento ma non mancano casi in cui si è arrivati al 20 per cento.

Il fornitore, dal canto suo, ha la possibilità di scegliere in ogni momento, quale importo farsi anticipare, e con quale anticipo in termini di giorni, migliorando i propri flussi di cassa, senza la necessità di accedere ad alcuna forma di finanziamento presso gli intermediari finanziari e ad un costo molto conveniente. La fattura pagabile viene bonificata immediatamente, detraendo la percentuale di sconto definita. Per il fornitore, si tratta di un accesso al credito, senza obblighi e senza costi fissi.

Infine, l’operazione non comporta per il soggetto finanziato una segnalazione in Centrale dei Rischi in quanto nel dynamic discounting non sussiste esercizio di attività di concessione di finanziamenti nei confronti del pubblico.

 

 

 

Tags: , , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑