Mondo Impresa

23 Novembre 2020 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

Non si licenzia fino a fine marzo 2021

Print Friendly, PDF & Email

Ulteriore proroga al divieto di licenziamenti: 31 marzo 2021. È questa la data prevista dal Ddl di bilancio 2021 entro la quale non sarà possibile licenziare per motivi economici; non potranno essere avviate procedure di licenziamento collettivo e restano sospese quelle avviate dopo il 23 febbraio 2020. Inoltre, i datori di lavoro non potranno licenziare per giustificato motivo oggettivo, indipendentemente dal numero dei dipendenti.

Resta comunque in vigore tutta la disciplina inerente alle eccezioni al divieto di licenziamento: cessazione dell’attività dell’impresa (definitiva e per tutta l’azienda), fallimento, accordo sindacale aziendale che autorizzi l’esodo incentivato di volontari e nell’ipotesi in cui il personale interessato dal recesso, già impiegato in un appalto, sia riassunto a seguito di subentro di nuovo appaltatore in forza di una clausola sociale.

La proroga al 31 marzo 2021 coinvolge anche i contratti a termine, ossia la possibilità – fino alla data in oggetto – di rinnovare o prorogare i contratti a tempo determinato anche in assenza delle causali, sempre per un periodo massimo di dodici mesi e per una sola volta e ferma restando la durata massima complessiva di ventiquattro mesi.

Tags: , , , , , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑