Fisco

4 Febbraio 2019 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

Regime forfettario incompatibile con i medici intramoenia

Print Friendly, PDF & Email

 Il comma 9 dell’articolo 1 della Legge di bilancio 2019 detta regole inerenti ad una specifica causa di preclusione al nuovo regime forfettario: la prevalenza dell’attività svolta dal contribuente forfettario nei confronti del datore di lavoro o dell’ex datore di lavoro nei due anni precedenti.

Il comma dispone che non possono accedere al forfettario le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d’imposta, ovvero nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili ai suddetti datori di lavoro.

Ma i medici che svolgono prestazione medica intramoenia, possono accedere al regime forfettario? E’ considerata intramoenia l’attività svolta nella disciplina di appartenenza da parte dei medici e consiste nello svolgimento dell’attività professionale all’interno della struttura ospedaliera, al di là dell’impegno di servizio. I compensi percepiti dai medici del Servizio sanitario nazionale in relazione all’attività intramoenia (quindi nella sede del servizio medesimo) costituiscono redditi assimilati ai redditi di lavoro dipendente e quindi non possono rientrare nel regime forfettario, come disposto dal citato comma 9 dell’articolo 1.

I medici ospedalieri che esercitano anche privatamente possono applicare il regime forfettario qualora i compensi percepiti nel 2018 per le attività professionali siano risultati non superiori a 65 mila euro, fatturando le prestazioni ai clienti privati. Non possono accedere al forfettario se invece fatturano direttamente all’ente ospedaliero da cui dipendono o presso il quale erano dipendenti nei due periodi di imposta precedenti, a meno che il fatturato con l’ente non risulti inferiore a quello fatto con altri clienti.

 

Tags: , , , , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑