Fisco

29 Novembre 2017 | Pubblicato da Redazione Daily Tax

0

Super e iper ammortamento anche per il 2018

Print Friendly, PDF & Email

L’art. 5 della Legge di bilancio 2018 stabilisce la proroga delle regole che consentono a imprese, lavoratori autonomi e professionisti di maggiorare le quote di ammortamento di beni strumentali acquistati grazie a nuovi investimenti: il super e iper ammortamento.

Il super ammortamento è una agevolazione che si sostanzia in una maggiorazione del 30% del costo di acquisizione di beni strumentali nuovi. La percentuale si è ridotta rispetto all’anno scorso (40% per il 2017) e si riferisce esclusivamente alla quota di ammortamento e ai canoni di locazione finanziaria, indipendentemente dalla forma giuridica e dal regime contabile adottato dal contribuente.

L’investimento del contribuente deve essere realizzato dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, ma l’agevolazione è applicabile anche ai beni consegnati entro il 30 giugno 2019 a condizione che, entro il 31 dicembre 2018, l’ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di almeno il 20% del prezzo pattuito.

I beni strumentali acquistati devono essere nuovi. Si intendono nuovi i beni mai utilizzati da alcuno e rientrano in questa categoria anche quelli esposti in uno show room. Per i beni complessi, ossia quelli alla cui realizzazione abbiano concorso anche componenti usate, il requisito della novità sussiste in relazione all’intero bene, quindi occorre verificare che il costo dei beni usati non risulti prevalente rispetto al costo complessivamente sostenuto. I veicoli e altri mezzi di trasporto sono esclusi dal super ammortamento. Questa è la novità rispetto a quanto disposto per il 2017: infatti, tutti i veicoli non sono ricompresi nell’agevolazione, sia che vengano utilizzati esclusivamente per l’esercizio dell’impresa, sia che vengano usati anche con finalità extra imprenditoriali.

Al fine di favorire i processi di trasformazione tecnologica e/o digitale in chiave “Industria 4.0” l’art. 5 proroga i cosiddetti iper ammortamenti. Per i beni (beni materiali nuovi funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese – ALLEGATO A) che possono usufruire di tale agevolazione è prevista la maggiorazione del costo di acquisto nella misura del 150%, consentendo quindi una deduzione complessiva, sotto forma di quote di ammortamento e di iper ammortamento del 250% del costo. Come per il super-ammortamento le imprese beneficiano di tale agevolazione per gli investimenti effettuati dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018 ovvero fino al 31 dicembre 2019 a condizione che, entro il 31 dicembre 2018, l’ordine di acquisto dei beni sia stato accettato dal venditore e siano stati pagati acconti per un valore almeno pari al 20% del costo di acquisizione.

Anche nel 2018 per i soggetti che beneficiano dell’iper ammortamento è, inoltre, prevista una maggiorazione del 40% del costo di acquisizione dei beni immateriali (ALLEGATO B), cioè software, piattaforme, e applicazioni connesse a investimenti in beni materiali Industria 4.0.

Per usufruire dell’agevolazione è necessaria la presenza delle seguenti condizioni: predisposizione da parte dell’impresa, di una dichiarazione sostitutiva di atto notorio del legale rappresentante ai sensi del D.P.R. 445/2000 in cui si attestino i requisiti per fruire dell’agevolazione; in caso gli investimenti avessero un valore superiore ad € 500.000,00 è invece richiesta una perizia tecnica giurata – ad opera di un ente accreditato o di un ingegnere o perito industriale iscritti all’albo – che certifichi che il bene rientra tra quelli indicati negli allegati A e B e che sia interconnesso al sistema aziendale. La dichiarazione del legale rappresentante e l’eventuale perizia devono essere acquisite dall’impresa entro il periodo di imposta in cui il bene entra in funzione ovvero, se successivo, entro il periodo di imposta in cui il bene è interconnesso al sistema aziendale di gestione della produzione o alla rete di fornitura. Va precisato che, in quest’ultimo caso, l’agevolazione sarà fruita solo a decorrere dal periodo di imposta in cui si realizza il requisito dell’interconnessione.

Il super e iper ammortamento, invece, non riguardano: l’acquisto di beni ai quali risultano applicabili aliquote di ammortamento inferiori al 6,5%; l’acquisto di fabbricati e costruzioni, beni merce e materiali di consumo; beni immateriali e i beni di cui all’Allegato 3 della Legge di stabilità 2016.

Inoltre, nell’ipotesi in cui il soggetto beneficiario dell’iper ammortamento decida di vendere il bene agevolato nel corso del periodo di fruizione dello sgravio, il vantaggio non viene meno per le residue quote, purché, nel medesimo periodo d’imposta del realizzo l’impresa: sostituisca il bene originario con un bene materiale strumentale nuovo avente caratteristiche tecnologiche analoghe o superiori a quelle previste dall’Allegato A alla Legge 232/2016; attesti l’effettuazione dell’investimento sostitutivo, le caratteristiche del nuovo bene e la sua correlazione.

ALLEGATO A

ALLEGATO B

Tags: , , ,


Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni sugli articoli pubblicati vanno inviate a: redazione@dailytax.it




Back to Top ↑